vai subito al contenuto

    Concessioni derivazioni acque pubbliche

    La Provincia svolge funzioni in materia di concessioni di derivazioni di acqua pubblica ai sensi del R.D. 11.12.1933 n. 1775.

    In regione Lombardia l’utilizzo delle acque pubbliche è disciplinato, oltre che dal sopraccitato T.U. 1775/33, anche da un apposito Regolamento regionale (R.r. 24.03.2006 n. 2).

    Cosa fare: 

    Per ottenere la concessione è necessario presentare idonea istanza corredata dalla documentazione prevista.

    La domanda è da presentare regolarizzata nei riguardi dell’imposta di bollo. Alla domanda deve essere allegata la documentazione progettuale a firma di un tecnico abilitato (n. 2 copie in formato cartaceo e n. 1 copia su CD con file in formato .pdf firmati digitalmente).

    Nella sezione modulistica sono scaricabili i fac-simile da utilizzare per la presentazione delle domande, in relazione alla tipologia di prelievo richiesto.

    Costi: 
    • Marca da bollo € 16,00 da apporre sull’istanza
    • Le spese di istruttoria, fissate con deliberazione della Giunta provinciale 9 dicembre 2003 n. 415 , variano da € 200 a € 400. Il versamento è da effettuare sul c/c di tesoreria della Provincia di Sondrio c/o Banca Popolare di Sondrio - Cod IBAN: IT 86 S 05696 11000 000002935X25, indicando nella causale il numero di pratica assegnato dall’ufficio istruttore dopo la presentazione dell’istanza. Per gli enti pubblici il versamento va effettuato sul Conto di tesoreria unica N. 0060158, presso la Banca d’Italia.
    • Contributo idrografico: 1/20 del canone con un minimo di € 150. Il versamento va effettuato sul c/c di tesoreria della Regione Lombardia secondo gli importi e con le modalità che saranno comunicate dall’ufficio istruttore a seguito della presentazione dell’istanza.
    • Spese di registrazione del disciplinare di concessione all’Ufficio delle Entrate. La quantificazione sarà effettuata all’atto del rilascio della concessione in relazione al canone annuo;
    • Per l’utilizzo dell’acqua è richiesto al titolare della concessione il pagamento di un canone annuo commisurato all’uso e alla quantità d’acqua concessa.
    Tempi: 

    Il Regolamento Regionale n°2/2006 prevede il rilascio della concessione entro 18/24 mesi dalla data dell’istanza. Detto termine sarà computato con l’esclusione dei periodi in cui il procedimento rimarrà interrotto per l’espletamento di adempimenti a carico del richiedente oppure per l’acquisizione di atti istruttori di competenza di altri Enti/Amministrazioni.

    Soggetti interessati: 
    Note: 

    Normativa di Riferimento

    • R.D. 11 dicembre 1933 n. 1775
    • R.D. 14 agosto 1920 n. 1285
    • R.r. 24 marzo 2006 n. 2

    Pianificazione di settore

    • PdGPo - Piano di gestione del distretto idrografico del fiume Po
    • PTUA - Programma regionale di tutela e uso delle acque
    • PBI - Piano di bilancio idrico della Provincia di Sondrio
    Sede: 
    Sondrio - Corso Vittorio Veneto, 28
    Orari: 
    Da lunedì a giovedì dalle 9:00 alle 12:00 e dalle 14:30 alle 16:30. Il venerdì mattina dalle 9:00 alle 12:00
    Competenza: 
    Servizio acqua ed energia
    Referente operativo: 
    Attilio Bonelli
    0342 531359
    Angelo Colombi
    0342 531203

    Responsabile Servizio

    Settore Pianificazione Territoriale, Energia e Cave
    Servizio acqua ed energia
    Responsabile: Antonio Rodondi - 0342 531276 - antonio.rodondi@provinciasondrio.gov.it

    Potere sostitutivo
    In caso di inerzia del responsabile di servizio trascorsi i termini di conclusione del procedimento il potere sostitutivo è in capo al Dirigente di Settore Pieramos Cinquini - 0342 531252 - pieramos.cinquini@provinciasondrio.gov.it